Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

AUTISM EXPERIENCES: AIUTARE LE PERSONE CON AUTISMO.

 

L’impegno dell’ ISFAR per l’autismo si concretizza in una costante ricerca scientifica e motodologica, nelle esperienze formative portate avanti in Africa e nei progetti di aiuto, a sostegno dei soggetti in difficoltà.

 

Autismo: un disturbo complesso

 

L’autismo è un disturbo pervasivo del neurosviluppo caratterizzato dalla compromissione dell’interazione sociale e da deficit della comunicazione verbale e non verbale che provoca ristrettezza d’interessi e comportamenti ripetitivi. L’autismo è un disordine estremamente complesso tanto da non consentire trattamenti generalizzati che vanno bene per tutti: da qui la necessità di una costante sperimentazione che rende indispensabile analizzare e personalizzare ogni modalità di intervento per stare in una relazione attiva e dinamica e risvegliare nuove e diverse disponibilità.

 

 

Autism Experiences

 

L’ISFAR già da tempo è impegnato assieme all’UNICEF e all’Associazione Mediterraneo senza Handicap a promuovere il cammino verso l’uguaglianza e le pari opportunità per le persone che manifestano disabilità, difficoltà e disagi, tra i quali primariamente i soggetti con sindromi dello spettro autistico. A questo scopo l’impegno ha richiesto di mettere a punto e verificare esperienze, attività, modalità operative dedicate, una lunga ricerca guidata dalla Dott.ssa Marta Mani.
Tale ricerca non ha originato né un programma né un “trattamento”, bensì ha individuato la valenza di una costante sperimentazione degli scambi e delle intese (Autism Experiences) rintracciate dalla lettura dei diversi canali attraverso i quali poter avvicinare la persona e stimolarla con sollecitazioni che possano essere da lei accolte, superando così ciò che la ostacola, fino a generare una espansione di sé.
Le Autism Experiences muovono da un principio niente affatto tecnico o tecnicistico, bensì dall’idea che è dalla disponibilità dell’operatore che si possono sviluppare le disponibilità del soggetto autistico, le quali a loro volta sono un impulso alla crescita socio-affettiva e all’incremento delle abilità ad apprendere. A partire da questo si sviluppano modalità di conoscenza dell’altro e di intervento che tengono presenti la prossemica, il contatto, lo sguardo, la respirazione e la paralinguistica, la tonematica, gli scambi con l’ambiente circostante ecc. in un lavoro di tipo globale e orientato a promuovere nell’altro una evoluzione rispettandone i tempi e la funzionalità delle sue stesse difficoltà. Le Autism Experiences, all’opposto di trattamenti basati sull’analisi e modifica del comportamento problema e degli interventi di addestramento o ammaestramento, si rivolge all’unità psicofisica della persona, vista come portatrice di potenzialità, abilità e disponibilità da promuovere e soddisfare.

 

 

La formazione degli operatori

 

Consapevoli della valenza promotrice di buoni percorsi di sviluppo, l’ISFAR ha messo in campo notevoli energie per la diffusione di queste nuove modalità operative attraverso una formazione teorica e laboratoriale degli operatori direttamente impegnati con persone con sindromi autistiche.
L’impegno formativo della dott.ssa Marta Mani, attuato nell’ambito del progetto ISFAR…per l’Africa e del progetto l’Ecole pour Tous, è stato offerto agli operatori del Djibouti e di Ali Sabieh allo scopo di poter includere bambini e ragazzi con autismo per aiutarli a raggiungere la più ampia autonomia e migliorare la qualità di vita propria e della famiglia che viene coinvolta non per insegnare al figlio, ma per riflettere sull’efficacia della relazione armonizzata e sui processi di mutazione e di sviluppo ottenuti.
La formazione degli operatori è stata realizzata attraverso l’esperienza vissuta e non insegnata: così come non si insegnano tecniche per bloccare i comportamenti inadeguati della persona  autistica, si vivono modalità adattive in diverse situazioni con condizioni di accoglienza e plasticità in un clima di serena partecipazione.

 

 

Per maggiori approfondimenti sul Progetto ISFAR per l’Africa e sulle Autism Experiences consulta l’articoloIsfar per l’Africa: progetti di inclusione e sostegno sociale o guarda il canale ISFAR Youtube: servizi e approfondimenti video raccontano la nostre esperienze formative!